Pink Floyd History Discography Pink Floyd Images Syd Barrett Discography David Gilmour Syd Barrett Images Forum Guestbook Staff Pink Floyd Style Updates Other sections Links Coverband Enjoy with us Pink Floyd Arts News Roger Waters David Gilmour images David Gilmour: words Roger Waters images Nick Mason Roger Waters: words Nick Mason images Nick Mason: words Richard Wright Richard Wright Images Richard Wright:words Discography Discography Discography Discography Syd Barrett Creations Concerts
Back to the index

Roger Waters

by

Veronica Waters

Biography Roger Waters

Roger Waters

di

Veronica Waters

Roger Waters

In breve...

Bassista, malinconico, uomo storico - politico, gigante, pessimista, autore di canzoni e di momenti solitari con la radio verità; la sua musica è un percorso verso il suo e il nostro interno, capacità incredibile di intuizione ma increbilmente spaventato da chi stesso lo ha creato.

 

In profondo...

Scrivere la vita di Roger non è semplice, non tanto per la sua lunga strada piena di avvenimenti , ma per la complessività che riguarda questo personaggio dai mille imprevisti.
Mi soffermerò poco sulla sua vita privata, solo qualche accenno, sarà lunga la strada della sua mente, correrò nel parlare del suo percorso mentale, delle sue idee, dei suoi pensieri….poco importa altri particolari, forse anche noiosi, sono convinta che ad ognuno di noi non interessa conoscere chi è Roger, dove è nato, che scuole ha frequentato ect.. l’interesse è di capire noi stessi confrontando una persona dai difficili movimenti;
E’ curioso e importante conoscere chi è e che cosa possiamo capire in lui e magari chiudere gli occhi e pensare che la vita è tutto proprio come ci ha sempre cantato :“Run Like Hell”.
Scusate la grande premessa ma mi sembra dovuto magari dirvi qualche dato oggettivo.
George Roger Waters nasce a Great Bookham, Cambridge il 9 settembre 1943, Madre Mary e Padre Eric Fletcher (1913-1944) insegnanti scolastici, tragico evento che non influenzerà non poco la sua vita che è la morte del padre al fronte nel corso della battaglia di Anzio in Italia.

Roger Waters


Da adolescente scopre la passione per la radio in particolare “American Forces Network”, notti e notti di curiosità, relazione di voci e suoni che portavano pian piano il piccolo Roger verso la strada della musica e della sua grande forza del pensiero.
A 14 anni un regalo dettato dal cielo, una chitarra acustica dono della sua zia che aveva captato in lui un’anima di sognatore, di artista e personaggio del mondo.
Fino a che Roger non frequenta l’università tutto a lui ruota nella non fiducia, della rassegnazione e del prendere non sul serio le sue capacità, addirittura pressoché definito come disse Roger in una sua intervista spiegando come parlavano di lui : “un incapace totale”.
Cambridge High Scholl è la porta che li apre la mente, architettura, amicizie importanti, band musicali.
Nella scena entra Nick Mason e Richard Wright amici di avventura
, poco dopo è il tempo di Syd Barrett, quest’ultimo personaggio importante e determinante per il nostro amico Waters.

Roger Waters


Dopo vari tentativi di gruppi musicali Roger, Syd, Richard e Nick creano la grande Pink Machine ovvero Pink Floyd…è lì che comincia la grande corsa verso la musica e alla ricerca del successo.
Spettacolo, suoni, canzoni…quante cose potrei scrivere e spiegare…moltissime, il grande repertorio che hanno rende stupore e assuefazione ma il destino ha voluto allontanare Syd per problemi di tossicodipendenza e nella scena del grande palco PinkFlodyano vediamo il bel fusto David Gilmour, grande compagno e grande nemico del nostro personaggio.
Si abbandona all’architettura per aprire le ali della musica, il destino abbraccia i Pink Floyd regalando testi e musica di grande impatto e di grande pensiero, citerò solo pochi ma di grande passione, l’album “The Dark Side of The Moon” e “The Wall”.


I Pink Floyd per il mondo diventano persone di pensiero che cercano di trasmettere le loro idee e le loro paure attraverso testi e musica, grandi scopritori dell’ignoto, di quello che appartiene all’uomo e di verità che fanno paura.
A quel momento Roger si trova in difficoltà con chi li parla vicino, con chi lo giudica, ossessionato dal tempo che passa e che non ti avverte, della perdita della giovinezza, dall’amore, dalla pazzia che parte integrante di noi ma che l’uomo non crede di possedere, la parola “normale”non esiste nella sua mente.

Roger Waters


Roger dopo l’abbandono forzato di Syd diventa un’enorme impronta per il gruppo, maggior parte delle canzoni sono parole della sua fantasia, ricordi di vita, pensieri e giudizi; il nostro Roger mette in luce il suo gioco, scopre le carte per non farsi paura, guarda gli errori con attenzione, li teme, si trasforma in un uomo ossessionato, si chiede si domanda e si risponde; crede al suo mondo e ai suoi perché, la flessibilità delle sue idee e convinzioni si fanno meno col tempo; diventa brusco e ostile vediamo nel 1975 un Roger strano e poco disponibile, sarà il suo carattere diventato spoglio dopo aver assaggiato il successo?
Non lo sappiamo, dentro di noi ci sono molti aspetti e molti periodi sono talmente singolari e determinanti per il nostro umore, ma i fatti comunque parlano e Roger non ci nasconde questo lato scuro ma nello stesso tempo vediamo una persona con grande creatività musicale, dire artista è dir poco.

Roger Waters


Personaggio difficile da capire e gestire, per lui il triangolo è il simbolo della vita, quasi un obbligo , quasi una legge di sopravvivenza; così crede e si convince che c’è una sola unica strada da percorrere come se non esistessero più altre, per questo tutto si crea attorno a lui; meno amicizie-relazioni, tutto deve far capo a lui e nessuno deve obiettare.
La sua mano ha il potere di trasformare Pink Floyd con The Wall, proprio un muro, non solo come titolo e argomento dell’album ma come stile per la sopravvivenza col mondo esterno.
Un muro con mattoni che interrompe ogni forma di relazione, e forse per questola sua più grande disperazione di realizza la sua più grande opera musicale…arrivando poi con l’ultimo suo album assieme ai Pink con “The final cut” la fine del grande taglio tra Roger e gli altri componenti.
La vita pinkflodyana finisce definitivamente nel 1986, anno ufficiale di rottura, scompare dal palcoscenico rosa, iniziando una carriera solista interrotta tempo addietro e cmq ripresa tutt’oggi.

Roger Waters


Da solista lo vediamo attivo, sportivo con alcune creazioni soliste ma ai fans rosa rimane un po’ di delusione; non riusciamo a vederlo “I have become comfortably Numb” molti di loro citano che non è l’autore che conosciamo; certo nella vita capitano ed esistono i cambiamenti, in verità sappiamo che davanti a noi c’è un uomo dalle grandi capacità e stile, dal volto serio, pensieroso, dal grande mistero, ma credo che la forza di un individuo è l’unione di un gruppo e questa sua decisione di rottura ad ormai al traguardo della strada ha giocato a suo sfavore…con amarezza questa importante partita di carte è stata persa da lui quando in mano aveva quasi in mano una scala reale di cuori…una stretta di mano sbagliata, la quarta carta bruciata e scomparsa nel lato oscuro della luna..per sola andata.


E qui per il momento finisce la sua storia con i Pink Floyd ma concludo il mio percorso in breve.
Ho avuto due occasioni di incontrare Roger da vicino e tre sue foto autografate, ma in quei momenti talmente lontano , ma adesso mi trovo a scrivere un pezzo della sua vita e sento l’effetto contrario, forse mi sono costruita un Roger Waters a mio piacimento ma sono convinta che la mia costruzione su di lui qualcosa di vero c’è e allora mi pare tutto mio.

Ottobre 2005, riesco a coronare un mio sogno da quando avevo sei anni, così piccola già infatuata dal mio eroe di vita..una conferenza stampa..e l'incontro con Roger Waters...cliccate qui.

Roger Waters - Caira Interview

 

In più...